fbpx
Categorie
Senza categoria

Alternative al riscaldamento tradizionale.

pexels-işıl-15558298

Alternative al riscaldamento tradizionale.

Sta per arrivare il periodo più freddo dell’anno e, se i riscaldamenti sono ormai accesi, trovare alcune alternative per rendere gli ambienti più caldi senza di loro può essere molto utile sia in termini ecologici, sia di risparmio sulla bolletta.

Ciò potrebbe essere molto utile anche per spazi particolari, come un garage, una stanza particolarmente fredda e distante dal termostato, oppure una seconda casa senza impianto tradizionale.

Stufe a biomassa.

Le stufe a legna o a pellet possono essere una scelta molto valida se si vuole evitare il riscaldamento a metano. Laddove non sia presente un impianto tradizionale, si ricorre a caldaie a biomassa e termostufe per generare l’acqua calda necessaria ai termosifoni.

Sono sicuramente ricche di vantaggi: ecologiche, facili da posizionare, di grande impatto estetico con le loro fiamme a vista ed in grado di riscaldare anche ambienti vicini a quello dove sono state posizionate. Sono economiche, programmabili e dotate di una buona autonomia.

Meno comoda è la gestione del combustibile, che va caricato nella stufa manualmente ed è abbastanza impegnativo anche per quanto riguarda lo stoccaggio.

Riscaldamento elettrico.

Il riscaldamento elettrico, essendo una soluzione piuttosto dispendiosa, può essere indicato soprattutto per un singolo ambiente, che magari necessita di essere riscaldato solo di tanto in tanto.

In questo caso si potrà scegliere tra termoconvettori e termoventilatori, stufette a infrarossi, a petrolio, a gas o a bioetanolo.

Tra i loro punti di forza c’è la praticità con cui possono essere installati e spostati, nonché la rapidità con cui riescono a riscaldare un ambiente. Sono inoltre molto sicuri, poiché non emettono fumi e quindi non necessitano di uno sfogo all’esterno.

Pompe di calore.

Le pompe di calore rappresentano un sistema di riscaldamento del futuro: nelle abitazioni di nuova costruzione vengono sicuramente preferite al tradizionale impianto a gas.

Consentono infatti un risparmio considerevole, possono rinfrescare oltre che riscaldare e non emettono fumi di combustione. Per una piena sostenibilità ecologica (ed economica), tuttavia, ove possibile è necessario abbinare questo sistema a dei pannelli fotovoltaici, così da abbattere i consumi.

Nelle case di nuova realizzazione, le pompe di calore si utilizzano tramite serpentine a pavimento a bassa temperatura, altrimenti fan coil o spalti ad aria. È una scelta molto valida anche come integrazione e supporto ad un sistema di riscaldamento tradizionale, permettendo di intervenire su quegli ambienti che rimangono particolarmente freddi.

Se scegliere un riscaldamento con pompa di calore comporta un investimento iniziale, questo viene ampiamente recuperato sul lungo periodo, con risparmi significativi sia economici sia in termini energetici e quindi ecologici.

In questi casi è sempre bene rivolgersi a dei tecnici specializzati per valutare le soluzioni migliori e per calcolare un preventivo che tenga conto anche di alcuni accorgimenti importanti, al fine di contenere il consumo energetico e di calore.

Potrebbe essere importante sostituire i serramenti, rendere l’involucro della casa meno dispersivo, applicare una membrana isolante sui muri esterni, se possibile inserire un impianto fotovoltaico o solare termico, oppure ancora uno smart system per l’ottimizzazione dei consumi.

Contatti

Sede legale: Savona via Gramsci 6/4

Telefono: 800909275

Email: info@ristrutturare-casa-italia.com

© 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Categorie
Senza categoria

Riscaldamento a termosifone: quali tipi?

Riscaldamento a termosifone: quali tipi?

L’impianto di riscaldamento a termosifoni è il più utilizzato nonostante il crescente affermarsi dell’impianto a pavimento. Scopriamone caratteristiche, elementi e schema.

L’impianto di riscaldamento a termosifoni – o a elementi radianti – è stato per anni l’impianto più scelto ed installato nelle nuove abitazioni.

Attualmente sta subendo il ritorno in voga di sistemi alternativi di riscaldamento, come le stufe a legna e a pellet e gli impianti di riscaldamento a pavimento.

L’impianto di riscaldamento ha come unico scopo il mantenimento di temperature adeguate al benessere e al comfort all’interno di un ambiente, principalmente nel periodo invernale.

Sostanzialmente gli impianti di riscaldamento si dividono in due tipologie.

Impianti centralizzati.

Sono impianti con un’unica caldaia a condensazione che serve più di un’unità abitativa nello stesso complesso residenziale.

Generalmente per questo tipo di impianti si sceglie un’alimentazione a metano.

Gli impianti centralizzati, se ben regolati, hanno un rendimento globale più elevato e quindi, di conseguenza, sono quelli che garantiscono un maggiore risparmio energetico.

L’unico difetto è rappresentato dal fatto che questo tipo di impianto non permette una gestione differenziata e personalizzata per ogni unità abitativa: per questo motivo è possibile che l’impianto venga messo in funzione anche in momenti superflui.

Per ovviare al problema descritto, a partire da gennaio 2017 la legge impone che i termosifoni serviti da impianti di riscaldamento centralizzato siano dotati di valvole termostatiche per la regolazione della temperatura.

Impianti autonomi.

Sono impianti a servizio di una sola unità abitativa. Questi garantiscono la personalizzazione delle temperature e la piena gestione dei cicli di accensione e spegnimento, in base alle necessità.

Elementi di un impianto.

Il cuore dell’impianto di riscaldamento a termosifoni è la caldaia alimentata a metano. Essa ha la funzione di scaldare l’acqua da inviare ai termosifoni mediante dei tubi di distribuzione.

In ogni stanza dell’unità abitativa viene installato un termosifone, dimensionato in base alle effettive dimensioni della stanza. Più grande è l’ambiente, infatti, più grande sarà l’elemento radiante.

Tipologie di termosifoni.

In commercio ci sono termosifoni di diverse forme e dimensioni ma, in base al materiale in cui sono formati, è possibile dividerli in tre sole categorie.

I termosifoni in ghisa.

Sono termosifoni molto pesanti, per questo la loro installazione a muro può richiedere la predisposizione di appositi rinforzi.

L’acqua che passa all’interno dei termosifoni in ghisa scalda il materiale molto lentamente e per questo il calore impiega molto più tempo ad attraversare lo strato del radiatore e a diffondersi nell’ambiante.

Allo stesso tempo gli elementi radianti di questo tipo si raffreddano meno rapidamente di quelli in alluminio ed acciaio. Sono inoltre molto resistenti alla corrosione dovuta all’acqua in circolazione.

I termosifoni in alluminio.

Sono gli elementi radianti più leggeri, meno ingombranti e più economici in commercio.

Si scaldano, diffondono il calore e si raffreddano con maggiore rapidità.

Se l’acqua che circola al loro interno ha ph alcalino, a lungo andare può corroderli.

I termosifoni in acciaio.

Sono i termosifoni più costosi in commercio ed hanno caratteristiche intermedie se confrontati con gli elementi in alluminio ed in ghisa.

Gli elementi radianti in alluminio generalmente vengono utilizzati dagli arredatori per dare un tocco di design (termo design) alle stanze, infatti ne esistono di diverse forme.

Contatti

Sede legale: Savona via Gramsci 6/4

Telefono: 800909275

Email: info@ristrutturare-casa-italia.com

© 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

× Possiamo aiutarti?