fbpx
Categorie
Senza categoria

Accorgimenti per una lavanderia bella e funzionale.

Accorgimenti per una lavanderia bella e funzionale.

A volte quando si ristruttura la propria casa si tendono a sottovalutare quegli spazi apparentemente opzionali, che possono essere presenti oppure no a seconda degli spazi, ma che alla prova dei fatti hanno un’importanza funzionale molto elevata.

Ne è esempio la stanza lavanderia e/o stireria, uno spazio interamente dedicato al bucato, fondamentale per la vita quotidiana ma sempre ricavato dagli spazi morti piuttosto che da un apposito stanzino.

Il rischio di questo ambiente è che si riduca ad essere un semplice sgabuzzino, buio e perennemente disordinato, che si discosta completamente dallo stile della casa, quasi non ne facesse parte.

Si sa che il segreto per una bella casa è l’armonia tra tutte le sue componenti, estetiche e funzionali, e tutti i suoi ambienti. Per questo è importante avere accorgimenti anche per la lavanderia, in modo da renderla il più possibile uno spazio vivibile, esteticamente gradevole e funzionale.

Ci sono diversi aspetti da considerare: le dimensioni a disposizione, l’illuminazione, l’areazione. Farsi guidare da un professionista, in questi casi, diventa una scelta praticamente obbligata: sono molte le soluzioni possibili che spesso sfuggono ad uno sguardo profano, ma che possono davvero fare la differenza tra un ambiente vincente ed uno a dir poco… deprimente!

Sovrapporre gli elettrodomestici.

Un primo accorgimento fondamentale per risparmiare spazio può essere quello di sovrapporre asciugatrice e lavatrice, specie quando si utilizzano mobili copri lavatrice. In genere 6 mq sono sufficienti per progettare uno spazio adatto sia a lavare che a stirare i vestiti.

Grazie ad una vasta scelta di colori e modelli disponibili sul mercato, entrambi gli elettrodomestici possono essere armonizzati senza problemi con lo stile dell’ambiente e del resto della casa; lo spazio che si guadagna sovrapponendole può essere reinvestito in modo intelligente in un piano da lavoro sopra cui piegare e disporre i panni sporchi o appena lavati, così come in un angolo in cui usare asse e ferro da stiro.

Scaffali e mensole.

Un altro accorgimento per progettare in modo strategico la lavanderia, vista la metratura ridotta, è sfruttare al massimo lo spazio verticale, con mensole e scaffali che aiutino ad organizzare meglio gli oggetti e a rendere il tutto più efficiente ed ordinato.

Detersivi, ammorbidenti ed altri prodotti utili al bucato potranno così trovare spazio su mensole a parete o scaffali sospesi, liberando spazio utile a terra ed essendo subito a portata di mano.

Se la metratura lo consente, una scaffalatura più ampia consente di ospitare anche altri elementi utili: asciugamani, lenzuola, generica biancheria.

Un’illuminazione ottimale.

Funzionalità ed accoglienza dipendono sempre strettamente dalla qualità dell’illuminazione. Un ambiente buio, per quanto ben organizzato e stilisticamente curato, risulterà sempre spento e sacrificato. Inoltre una scarsa illuminazione inficia le funzionalità di un ambiente, rendendo più difficoltoso e malsano lavorarci.

È sempre bene, ove possibile, sfruttare in primo luogo le fonti di luce naturale. È quindi ideale progettare una lavanderia in uno spazio dotato di una o più finestre. Se ciò non è possibile, meglio indirizzarsi verso un’illuminazione a LED brillante, salubre e economicamente conveniente.

Una lampada o plafoniera posizionata al centro della stanza garantisce un’illuminazione ampia e diffusa, mentre altre soluzioni aggiuntive, come faretti o lampade a binario, possono aiutare ad illuminare singole zone di lavoro.

Un aspetto da non sottovalutare è il tono di luce scelto: colori neutri o freddi sono ottimali per questo specifico ambiente, in quanto affaticano poco la vista e permettono di distinguere i colori del bucato con più facilità.

Sistema di areazione.

Un giusto impianto di areazione influenza tutte le attività all’interno della vostra lavanderia: determina il tempo di asciugatura dei vestiti ma anche la salubrità del vostro ambiente di lavoro, impedendo la formazione di muffe ed umidità.

Anche in questo caso, il primo elemento utile è la presenza di eventuali finestre, fonti di luce e ventilazione naturali. Se ciò non fosse possibile, occorre indirizzarsi verso un sistema di ventilazione meccanica, con ad esempio un estrattore d’aria, molto utile per rimuovere umidità e consentire la circolazione di aria fresca e pulita.

Si può considerare anche l’utilizzo di un deumidificatore, per tenere sotto controllo l’umidità.

Stendibiancheria.

Stendere i panni in lavanderia è sicuramente un’opzione molto comoda per evitare di occupare altri spazi della casa in modo anti estetico; inoltre, se l’ambiente della lavanderia è ben pensato ed organizzato, può essere il luogo ideale per ottenere un’asciugatura efficace e rapida.

Anche se la metratura è molto ridotta, non è detto si debba sacrificare lo stendibiancheria: basta optare per un modello retrattile o a scomparsa, ripiegabile e quindi salvaspazio se non in uso.

Se lo spazio lo consente è invece molto pratico uno stendibiancheria a torre, che offre diversi piani di asciugatura, oppure addirittura uno stendibiancheria a soffitto, molto utile per sfruttare la verticalità di stanze con il soffitto alto.

Contatti

Sede legale: Savona via Gramsci 6/4

Telefono: 800909275

Email: info@ristrutturare-casa-italia.com

© 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

× Possiamo aiutarti?