fbpx

Scopri come ristrutturare casa pagando solo 50% del preventivo con il decreto legge (art. 1, c. 37, L. n. 234/2021)5.

La detrazione IRPEF del 50% spettante a fronte del sostenimento di spese per interventi di recupero edilizio viene prorogata fino al 31 dicembre 2024.

Resta invariato a € 96.000 per unità immobiliare il plafond massimo di spesa su cui calcolare la suddetta detrazione.

Con riferimento alle modalità di recupero di tale detrazione si ricorda che la stessa:

▪ può essere fruita in 10 quote annuali di pari importo in dichiarazione annuale dei redditi; oppure

▪ può essere oggetto di cessione nei confronti di altri soggetti (compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari) in cambio di denaro; 

▪ può essere oggetto di sconto in fattura da parte delle imprese e/o dei professionisti che hanno effettuato l’intervento. LE NOVITÀ INTRODOTTE DAL D.L. N. 157/2021 (C.D. DECRETO ANTI-FRODI) 

Come regola generale, nell’ipotesi in cui il contribuente voglia recuperare il “bonus per ristrutturazioni edilizie” mediante l’opzione per la cessione del credito o per lo sconto in fattura è necessario produrre, a partire dallo scorso 12 novembre 2021: 

– l’attestazione di congruità delle spese sostenute; 

– il visto di conformità da parte di un commercialista. L’attestazione di congruità e il visto di conformità non sono tuttavia necessarie nei seguenti casi: 

– interventi eseguiti in edilizia libera (indipendentemente dall’importo dei lavori); oppure 

– interventi di importo complessivo non superiore a € 10.000 euro, eseguiti sulle singole unità immobiliari o sulle parti comuni dell’edificio. Inoltre e a seguito delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2022, le spese per il rilascio del visto di conformità e per le asseverazioni di congruità delle spese sostenute sono fiscalmente detraibili sulla base della medesima aliquota prevista per la relativa detrazione fiscale spettante in relazione all’intervento di recupero edilizio e/o energetico. 

Qualora, invece, il contribuente voglia fruire del “bonus per ristrutturazioni edilizie” direttamente nella propria dichiarazione annuale dei redditi, non sarà necessario produrre né l’attestazione di congruità delle spese sostenute né il visto di conformità da parte di un commercialista.

Se hai piacere approfondire l’argomento lascia i tuoi dati e verrai contattato dai nostri consulenti.

 

Come si ristruttura una casa? È una domanda che si pongono in molti, sia chi deve effettuare dei piccoli interventi che chi deve stravolgere completamente la propria abitazione.Spesso, quando si mette mano … Leggi tutto>>

Ristrutturare casa

La ristrutturazione della proprio BAGNO è un passo che molte famiglie si trovano ad affrontare nel corso della vita. Come sa bene chi ha già sperimentato una volta le gioie e i dolori della ristrutturazione, uno dei rischi principali in… Leggi tutto>>

Ristrutturare casa

Come evitare i 3 “segreti” che le imprese usate per truffarti … prima che sia troppo tardi. Come avrai capito è molto importante essere scrupolosi nella scelta dell’impresa edile. Ma anche con tutte le precauzioni del caso c’è… Leggi tutto>>

Contatti

Sede legale: Savona via Gramsci 6/4

Telefono: 800909275

Email: info@ristrutturare-casa-italia.com

© 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

× Possiamo aiutarti?