fbpx

L’impianto idraulico: ecco come funziona e tutti i lavori necessari

Hai deciso di ristrutturare casa? Quando iniziano i lavori di ristrutturazione occorre prestare particolare attenzione all’impianto idrico della propria casa. Si tratta di un’istallazione che permette di approvvigionare l’intera abitazione di acqua pulita e che, allo stesso tempo, elimina l’acqua già utilizzata.  Andiamo subito a scoprire tutto ciò che occorre assolutamente sapere quando si parla di impianto idrico.  Impianto idrico, quando deve essere sostituito e l’importanza della ristrutturazione Prima dell’istallazione di un impianto idrico occorre sapere che questo dovrà rispettare determinati criteri e parametri tecnici stabiliti dalla normativa vigente UNI 9182:2014, che prevede altresì che venga redatto un progetto dettagliato a riguardo da un professionista abilitato.  Ma non è finita qui, poiché è anche necessario che venga stilato uno schema dello stesso impianto da un responsabile tecnico. Possiamo dire, dunque, che il progetto e lo schema dovranno essere ambedue allegati alla dichiarazione di conformità degli impianti.  Cosa significa? Semplice: quando decidete di ristrutturare casa è importantissimo affidarsi a dei professionisti del settore, in particolare quando si decide di mettere mano all’impianto idrico. In questo modo potrete essere certi di rispettare tutte le normative vigenti.  Se, infatti, un impianto non è a norma non può essere venduto sul mercato.  Ecco come si certifica un impianto idrico Come si certifica un impianto idrico?  Ristrutturare Casa Italia fornisce piena assistenza a tutti i suoi clienti, fornendo preventivi gratuiti e sostegno per qualsiasi tipo di richiesta. Partiamo ricordando che nella maggior parte dei casi non è necessario ottenere dei permessi per la ristrutturazione di un impianto idrico, poiché questi sono obbligatori per tutti quegli interventi che apportano modifiche sostanziali all’abitazione, alterando le sue superfici, i volumi e comportando modifiche agli elementi strutturali della stessa. In alcuni casi, però, occorre ottenere un permesso per ristrutturare il proprio impianto idrico. La buona notizia è che non si tratta di un permesso difficile da ottenere, anzi, si tratta di un documento in cui vengono delineate tutte le norme e le formalità che dovranno essere rispettate. Inoltre, è bene sottolineare che la progettazione di un nuovo impianto idrico è un passaggio fondamentale della ristrutturazione e che non può essere assolutamente sottovalutato.  Il nostro consiglio è quello di affidarsi unicamente a degli esperiti del settore, per ottenere un impianto idrico in linea con le proprie esigenze personali e con la sicurezza di risultato qualitativamente superiore e duraturo.  Impianto idrico: l’importanza pensare al futuro Quando si progetta una ristrutturazione occorre sempre pensare e sviluppare l’idea tenendo conto di una prospettiva futura. Un esempio potrebbe essere la predisposizione dei punti dell’impianto in posizione: questi, anche se non utilizzati nel breve tempo, potranno rivelarsi utili in un futuro.  Inoltre, la presenza di altri allacci da utilizzare nel futuro deve essere individuata preventivamente e progettata per tempo. Ecco perché è importante scegliere con cura un tecnico professionista, il quale avrà un ruolo fondamentale anche nella scelta di tutte le altre importanti caratteristiche dell’impianto idrico che dovrà essere istallato. Quali? Facciamo qualche esempio: il sistema di adduzione, dunque, quello che serve per l’approvvigionamento dell’acqua il sistema di scarico, che invece serve per smaltire l’acqua.  Insomma, tutto il lavoro dovrà essere conforme alle proprie esigenze e dovrà essere eseguito con i materiali più adeguati.  Gli esperti di Ristrutturare Casa Italia, inoltre, consigliano di realizzare sempre degli schemi personalizzati sui pozzetti di ispezione.  Perché? Semplice, in questo modo, in caso di guasti o malfunzionamenti si potrà intervenire in modo diretto e con estrema facilità. Infine, è importantissimo garantire un’elevata qualità dell’acqua che sarà immessa nel nostro impianto idrico. Per questo motivo verranno istallati filtri di depurazione o addolcitori dell’acqua che garantiranno acqua pulita e senza alcun tipo di residuo nocivo.  A cosa serve ciò?  Semplice: avere l’acqua pulita consente di mantenere un elevato grado di salute all’interno della casa e di ottenere una maggior durabilità degli scarichi e delle tubature.  Richiedi subito un preventivo gratuito per i lavori di ristrutturazione nella tua casa agli esperti di Ristrutturare Casa Italia. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Decapare: consigli utili.

Decapare: consigli utili. In casa avete qualche mobile che ormai ha fatto il suo tempo o vi ha proprio stufato? Non è detto sia il caso di sostituirlo! Oggi vi portiamo alla scoperta di una pratica a metà fra un’arte ed un passatempo divertente ed ecosostenibile: stiamo parlando del decapaggio. Questa tecnica consiste nel rimuovere lo strato superficiale della vernice di un mobile per conferirgli un aspetto volutamente consumato e dare l’impressione che sia molto più antico. È una strategia che consente di ridare nuova vita a mobili che magari, per molti motivi, ci hanno stufato o sono danneggiati. A cosa serve il decapare? Il termine decapare deriva dal francese decapèr, che significa rimuovere la cappa, la copertura, e la tecnica ha origini molto antiche, rintracciabili alla metà del 1700 circa. Gli artigiani decapavano il legno per proteggerlo dai tarli, lavandolo prima con la soda e passando poi una mano di calce con cui disinfestarne pori e fessure. Oggi numerosi corsi di fai da te hanno permesso la riscoperta e diffusione di quest’arte manuale che permette di recuperare mobili antichi o semplicemente di renderli più affascinanti ed adatti a precise esigenze di gusto. È infatti sempre più diffuso il cosiddetto shabby chic, uno stile basato sull’utilizzo di un arredamento volutamente antichizzato, con l’utilizzo di vernici dalle tinte tenui, quasi sbiadite, che richiamano l’epoca vittoriana o addirittura rinascimentale. Sono oggetto di decapaggio non solo mobili vecchi, ma anche in legno grezzo: si può lavorare quindi anche su elementi di arredamento appena acquistati. Come decapare un mobile. Per decapare un mobile occorre innanzitutto avere i giusti strumenti: occhiali, guanti protettivi, un pennello piatto, una spazzola metallica, della lana d’acciaio, meglio se a grana extra, stucco, carta vetrata, vernice acrilica chiara e scura. Per procedere è opportuno trovarsi all’aperto o in un locale ben ventilato, dal momento che si utilizzeranno vernici e si produrranno sostanze nocive come polveri sottili; è inoltre consigliabile dotarsi delle giuste protezioni, come una tuta, dei guanti, degli occhiali e una mascherina. Prese queste precauzioni, si può iniziare a decapare il proprio mobile: carteggiare con la carta vetrata per rimuovere accuratamente la vernice Stuccare le parti danneggiate e lasciare asciugare Spazzolare la superficie del legno con la spazzola metallica, in modo da creare piccoli solchi che faciliteranno la penetrazione della cera Impregnare la lana d’acciaio con la pasta di cera e spalmarla sul legno Lasciare asciugare per circa 30 minuti Usare di nuovo la lana d’acciaio, immersa questa volta nella cera più scura, per rimuovere la cera chiara ed ottenere l’effetto desiderato Lucidare il mobile secondo il proprio gusto Tipologie e manutenzione. La manutenzione di un mobile decapato non richiede altro che la rimozione della polvere in eccesso ed un panno imbevuto di cera chiara per mobili. Le tipologie di questa tecnica invece sono molte: shabby chic, per una casa elegante e raffinata, shabby french per richiamare atmosfere francesi di fine Ottocento, shabby total white se gli arredi saranno totalmente bianchi, country chic per un effetto rustico ma elegante, rustic worn per un rustico vissuto. È possibile decapare moltissimi mobili diversi: poltrone, sedie, sgabelli, tavoli di qualunque forma e dimensione, divani, specchiere, armadi, madie, mensole, cassettiere. Potrete davvero dare sfogo alla vostra creatività! Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »
Ecobonus 110%

Superbonus 110% come usufruire per ristrutturare casa nel 2022!

Superbonus 110% come usufruire per ristrutturare casa nel 2022! Per quel che concerne il c.d. “Superbonus 110%” per ristrutturare casa vanno evidenziate le seguenti proroghe: a) per gli interventi effettuati da condomìni, da persone fisiche che possiedono per intero l’edificio oggetto degli interventi (il quale può essere composto al massimo da 4 unità immobiliari), da persone fisiche su unità immobiliari site all’interno dello stesso condominio o dello stesso edificio interamente posseduto oggetto degli interventi di cui al punto precedente (c.d. “interventi trainati”), da Onlus, OdV9 o APS10 proroga al 31 dicembre 2025, con aliquota del: 110% per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2023; 70% per le spese sostenute dal 1° gennaio 2024 fino al 31 dicembre 2024; 65% per le spese sostenute dal 1° gennaio 2025 fino al 31 dicembre 2025; b) per gli interventi effettuati da IACP11 ed “enti equivalenti” (compresi quelli effettuati da persone fisiche sulle singole unità immobiliari all’interno dello stesso edificio) e dalle cooperative edilizie a proprietà indivisa proroga al 31 dicembre 2023, a condizione che alla data del 30 giugno 2023 siano stati effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo; c) per gli interventi effettuati da persone fisiche su edifici unifamiliari, unità immobiliari “indipendenti e autonome”, o comunque unità immobiliari non ubicate in edifici sulle cui parti comuni stanno venendo effettuati interventi “trainanti” ai fini del Superbonus 110% proroga al 31 dicembre 2022 a condizione che alla data del 30 giugno 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo. Inoltre: viene prevista l’obbligatorietà del visto di conformità anche nel caso di fruizione del Superbonus 110% per ristrutturare casa in dichiarazione dei redditi (sotto forma di detrazione fiscale) 12, salvo il caso in cui la dichiarazione venga presentata dal contribuente sulla base di quella “precompilata” dall’Agenzia delle Entrate oppure per il tramite del sostituto d’imposta che gli presta assistenza fiscale; viene introdotto un rinvio ad un apposito decreto del Ministro della transizione ecologica, da emanarsi entro il 9 febbraio 2022, al quale è demandato il compito di stabilire, “per talune tipologie di beni”, i valori massimi stabiliti ai fini dell’attestazione di congruità delle spese sostenute per ristrutturare casa;  viene specificato che i prezzari individuati dal D.M. 6 agosto 2020 (c.d. “Decreto Requisiti”) (prezzari regionali e prezzari DEI) possono essere applicati anche ai fini del rilascio dell’attestazione di congruità sulle spese sostenute per interventi di riduzione del rischio sismico (agevolate con il Superbonus 110% o con il Sismabonus ordinario), nonché per quelle sostenute per interventi di rifacimento delle facciate esterne (agevolate con il c.d. “bonus facciate”) e per quelle sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio (agevolate con la detrazione IRPEF del 50%). Come ristrutturare casa: 5 consigli prima di iniziare la tua ristrutturazione Come si ristruttura una casa? È una domanda che si pongono in molti, sia chi deve effettuare dei piccoli interventi che chi deve stravolgere completamente la propria abitazione.Spesso, quando si mette mano … Leggi tutto>> Ecco le 6 regole per ristrutturare bagno con successo. La ristrutturazione della proprio BAGNO è un passo che molte famiglie si trovano ad affrontare nel corso della vita. Come sa bene chi ha già sperimentato una volta le gioie e i dolori della ristrutturazione, uno dei rischi principali in… Leggi tutto>> I tre segreti per non cadere nella trappola del preventivo ingannevole. Come evitare i 3 “segreti” che le imprese usate per truffarti … prima che sia troppo tardi. Come avrai capito è molto importante essere scrupolosi nella scelta dell’impresa edile. Ma anche con tutte le precauzioni del caso c’è… Leggi tutto>> Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Un country lussuoso: lo stile provenzale.

Un country lussuoso: lo stile provenzale. L’arredamento in stile provenzale è uno dei più amati al mondo. Ricordando lo shabby chic e lo stile country francese, si presenta come un affascinante mix di comfort, raffinatezza ed un’elegante rusticità che lo rendono sofisticato e genuino allo stesso tempo. In particolare si differenzia dallo shabby chic sopra citato per l’atmosfera: qui infatti vige un mood più romantico, fatato, si azzardano di più tinte glicine, lilla, salvia, mentre nello shabby è preferito il candore del bianco e delle tinte neutre. Lo stile provenzale affonda le sue radici nel 1600, nella Versailles di Luigi XIV che ingaggiò i più prestigiosi artisti ed artigiani dell’epoca per renderla un’icona assoluta di lusso e stile. Gli influssi della capitale si diffusero presto anche in campagna, in particolare nel territorio provenzale. Ed ecco che rustiche case contadine cominciano ad impreziosirsi di influenze lussuose provenienti da Parigi, segnando per sempre la cifra distintiva dello stile provenzale. Colori e fantasie dello stile provenzale. I colori e la natura del sud della Francia splendono cristallizzati in questo genere di arredamento. Una vita semplice, en plen air, armoniosa e rilassata, sono la fonte di questa estetica così vivace ed accogliente. La delicatezza è il comune denominatore dei colori e dei materiali usati: la lavanda spicca su tutti, dal fiore così diffuso in Provenza, che ogni anno regala meravigliose ed abbondanti fioriture. Molto utilizzate anche tutte le altre tinte pastello (in particolare verde salvia ed azzurro) meglio se intrecciate con con varianti del bianco e dell’avorio, del blu e del giallo. Lo stile provenzale utilizza molto anche i tessuti: soprattutto lino e cotone leggero, da usare con tende, cuscini, divani, sofà, biancheria e trapunte. Le fantasie predilette sono invece quelle floreali. I materiali dello stile provenzale. Il legno è il principale materiale utilizzato in questo stile: si tratta però di legno recuperato e decapato a regola d’arte, ovvero sottoposto ad una tecnica che regale un aspetto antichizzato e vissuto. Un altro materiale ricorrente, che si ritrova in sedie, testiere o tavolini, è il ferro battuto, di solito laccato di bianco o avorio. Decorazioni in stile provenzale. Fiori, fiori ed ancora fiori! I motivi floreali sono il cuore di questo stile, che vuole rendere tutto il respiro delle campagne provenzali, la vitalità e le piccole gioie di una vita rilassata, in armonia con la natura ed i suoi colori. Lavanda, salvia, ranuncoli, rose, margherite, gipsofila… è davvero vasto il panorama di possibilità da applicare a questo stile. Il risultato sarà sorprendente: un profumato abbraccio di accoglienza e comfort, rinforzato dall’utilizzo di candele, cuscini, tendaggi, tappeti, mazzi di fiori freschi, saponette profumate, cesti di pot-pourri in materiali naturali come il vimini, ma anche pentole in rame e porcellane sapientemente esposte. Come arredare in stile provenzale. Potrai ricreare comunque un ambiente provenzale utilizzando tutti i topic dello shabby chic, arricchendoli con: fiori freschi o secchi come la lavanda, capace pure di regalare fragranze rasserenanti; tende e tessuti nei toni pastello; rivestimenti non prettamente bianchi, ma anche polverosi come il rosa cipria, il verde pistacchio o il salvia, il crema, il grigio, ecc.; decorazioni che richiamano la provenza come quadretti naturalistici, magari con scritte in francese o simili. Lo stile provenzale è perfetto per arredare casa in campagna, ma pure nelle case al mare o di villeggiatura, dal momento che ispira leggerezza, primavera ed estate. Nelle case rustiche poi si ha la possibilità di sfruttare proprio l’architettura tipica, cornice ideale per questo genere d’arredo. Ed anche in questo caso può essere mitigato e personalizzato grazie all’intervento di un abile architetto. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Grès porcellanato: via libera alla creatività.

Grès porcellanato: via libera alla creatività. I materiali sono ciò che consente di modellare la propria casa dei sogni: una risorsa estetica e funzionale che, se conosciuta in tutte le sue potenzialità, permette all’immaginazione di diventare realtà senza limiti. Nel nostro nuovo showroom, a Savona in Piazza del Popolo 5oR, mettiamo a disposizione dei nostri clienti degli interior designer altamente qualificati, che li seguano passo dopo passo e possano consigliare loro le migliori soluzioni in rapporto al loro budget ed ai loro desideri di progetto. Sicuramente un’opzione spesso richiesta è quella del grès porcellanato, un materiale estremamente versatile e dalla sicura resa estetica. Si tratta di un materiale sintetico, derivato da minerali, argilla, caolino, feldspati, che vengono pressati insieme senza aggiunta di colle o resine. Il risultato è una ceramica compatta, dalla resistenza fuori dal comune e dalla grande versatilità stilistica: è possibile riprodurre texture che rendano ad esempio l’effetto del legno, del marmo o della pietra, ma sicuramente ad un prezzo più economico. L’effetto estetico è impeccabile e di grande impatto visivo: per questo scegliere il grès significa avere una garanzia di eleganza e bellezza, che va a sposarsi facilmente con tutti gli ambienti della casa, dal bagno al soggiorno, dalla cucina ai locali esterni. Come è fatta una mattonella in grès? La mattonella di grés si presenta compatta, pur essendo composta da una parte di supporto, che le conferisce la tipica resistenza, ed una invece esterna smaltata. La sua bassissima porosità la rende fortemente impermeabile, resistente allo sporco, alle intemperie ed agli sbalzi di temperatura, alle abrasioni ed in generale a tutte le sollecitazioni dovute all’usura. Tutto questo fa sì che il grès un materiale fra i più durevoli in assoluto, perfetto per garantire alla vostra casa dei rivestimenti impeccabili e che mantengano la loro bellezza nel tempo. Da evidenziare anche la stabilità cromatica di questo materiale: i suoi colori non si alterano nel tempo, perché sono resistenti allo smog ed agli agenti atmosferici. Quali tipi di grés ci sono? Esistono due grandi categorie di grés porcellanato: quello naturale e quello smaltato. Il primo è molto simile al marmo, di colore generalmente beige chiaro ma sono possibili anche altre colorazioni. Il secondo invece beneficia della presenza di uno smalto che chiude i pori della ceramica, rendendola ancora più impermeabile allo sporco, ed ampliando le potenzialità estetiche e di texture del materiale. È davvero possibile sbizzarrirsi dal punto di vista dei colori e delle finiture: chi sceglie questo materiale può dare libero sfogo all’immaginazione ed alla creatività, sapendo di ottenere dei rivestimenti durevoli, facili da pulire (sia con detersivi naturali che chimici), ecosostenibili. È un materiale prediletto da architetti e designer grazie alla sua facile lavorabilità: può essere forato, tagliato e lavorato al pari di una pietra naturale. Le sue infinite varianti lo rendono un jolly adatto a sposarsi con le più diverse idee progettuali e scelte di arredamento. Scegliere i rivestimenti è forse uno degli aspetti più importanti della ristrutturazione: determina il modo in cui le persone interagiscono con la casa, la libertà di vivere gli spazi, le scelte di arredo e l’armonia degli ambienti. Fare degli errori è molto più facile di quanto si pensi: spesso una scelta bellissima sulla carta, poi non si armonizza per niente con lo spazio a cui è destinata, e non solo non lo esalta, ma rischia pure di comprometterlo. Per non spendere inutilmente il vostro denaro ed il vostro tempo, affidatevi a professionisti qualificati, che sappiano guidarvi con entusiasmo nel processo meraviglioso e complesso del ristrutturare una casa. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Una casa ecosostenibile: qualche consiglio.

Una casa ecosostenibile: qualche consiglio.   Il nostro pianeta grida aiuto. Tutti noi, con piccoli gesti nel quotidiano, possiamo contribuire al fine di salvaguardarlo. Un aspetto sicuramente da non sottovalutare è quello degli accorgimenti per avere una casa ecosostenibile, attenta ai prodotti e materiali utilizzati e ad evitare dispersioni e sprechi di energia. Oltre alle principali soluzioni esterne come pannelli fotovoltaici, pareti ventilate, cappotto d’isolamento termico, giardini verticali, è possibile concentrarsi su una serie di elementi interni alla casa, per renderla subito più green ed amica dell’ambiente. Un ruolo fondamentale è giocato dai rivestimenti naturali, ovvero quelli che limitano al massimo l’impatto ambientale grazie all’assenza di prodotti chimici nella loro composizione. Tra questi vi sono materiali come la terra cruda, la calce, l’argilla ed ovviamente il legno, che ha l’ulteriore vantaggio di essere un eccellente termoregolatore, trattenendo il calore e regolando l’umidità. Il parquet è sicuramente un rivestimento dal fascino senza tempo: trasmette un’istantanea sensazione di accoglienza, calore e familiarità; è sempre più richiesto perché, nonostante sia relativamente delicato, è un materiale in grado di aumentare il suo fascino col trascorrere del tempo. Alcuni segni del vissuto non fanno altro che arricchirne l’espressività ed il calore. Oggi è inoltre disponibile in nuove versioni ancora più green ottenute dal sughero o dal bambù, anallergiche e resistenti all’acqua (cosa che lo rende più facile da gestire per quanto riguarda la manutenzione). In questo caso il legno non viene ottenuto dall’abbattimento di foreste ma viene recuperato come materiale già utilizzato da barche, capannoni abbandonati, alberi caduti, vecchi edifici. Se poi nelle vostre case fossero presenti pietre e mattoni a vista, forse è il caso di valorizzarli al massimo, non coprendoli ma andando proprio a risaltarli con le scelte di illuminazione e di arredo. Proprio per curare questo aspetto, i nostri professionisti saranno ben felici di aiutarvi, con proposte originali e creative. È possibile ottenere degli effetti sorprendenti, affidandosi alla competenza ed alla passione di professionisti altamente qualificati. Per quanto riguarda invece mobili e pareti, è auspicabile optare per vernici biologiche ed ecologiche, verificando sempre che siano a base d’acqua, prive di formaldeide e VOC. Sempre sulla linea del recupero, è buona norma scegliere di dare una seconda vita a vecchi mobili o utilizzare prodotti riciclati, che contribuiscono anche a dare un tocco vintage oggi spesso ricercato e di tendenza. I mobili realizzati con procedimenti non inquinanti sono a basso impatto ambientale e costituiscono una scelta senz’altro vincente se li si affianca ad un impianto demotico di ultima generazione, di cui vi abbiamo già parlato in un articolo precedente. La domotica rende possibile controllare ogni funzionalità della casa, dalla climatizzazione all’illuminazione, dal riscaldamento ai sistemi di sicurezza ed irrigazione, favorendo un controllo di elettrodomestici e dispositivi che assicuri una riduzione degli sprechi e delle dispersioni di energia. Ultime ma non certo meno importanti: le piante! Possono trovare il loro spazio un po’ dovunque nella vostra casa ed anche all’esterno, in giardino o sul balcone. Oltre ad esaltare l’estetica della casa e a consentire delle soluzioni di arredo e design davvero originali, aumentano la salubrità degli ambienti, riducendo l’inquinamento e l’elettricità statica, purificando l’aria, favorendo il benessere psicofisico. Sono anche utili da un punto di vista economico, laddove consentano di coltivare autonomamente spezie, frutta e verdura senza doverle acquistare. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

L’impianto idraulico: ecco come funziona e tutti i lavori necessari

Hai deciso di ristrutturare casa? Quando iniziano i lavori di ristrutturazione occorre prestare particolare attenzione all’impianto idrico della propria casa. Si tratta di un’istallazione che permette di approvvigionare l’intera abitazione di acqua pulita e che, allo stesso tempo, elimina l’acqua già utilizzata.  Andiamo subito a scoprire tutto ciò che occorre assolutamente sapere quando si parla di impianto idrico.  Impianto idrico, quando deve essere sostituito e l’importanza della ristrutturazione Prima dell’istallazione di un impianto idrico occorre sapere che questo dovrà rispettare determinati criteri e parametri tecnici stabiliti dalla normativa vigente UNI 9182:2014, che prevede altresì che venga redatto un progetto dettagliato a riguardo da un professionista abilitato.  Ma non è finita qui, poiché è anche necessario che venga stilato uno schema dello stesso impianto da un responsabile tecnico. Possiamo dire, dunque, che il progetto e lo schema dovranno essere ambedue allegati alla dichiarazione di conformità degli impianti.  Cosa significa? Semplice: quando decidete di ristrutturare casa è importantissimo affidarsi a dei professionisti del settore, in particolare quando si decide di mettere mano all’impianto idrico. In questo modo potrete essere certi di rispettare tutte le normative vigenti.  Se, infatti, un impianto non è a norma non può essere venduto sul mercato.  Ecco come si certifica un impianto idrico Come si certifica un impianto idrico?  Ristrutturare Casa Italia fornisce piena assistenza a tutti i suoi clienti, fornendo preventivi gratuiti e sostegno per qualsiasi tipo di richiesta. Partiamo ricordando che nella maggior parte dei casi non è necessario ottenere dei permessi per la ristrutturazione di un impianto idrico, poiché questi sono obbligatori per tutti quegli interventi che apportano modifiche sostanziali all’abitazione, alterando le sue superfici, i volumi e comportando modifiche agli elementi strutturali della stessa. In alcuni casi, però, occorre ottenere un permesso per ristrutturare il proprio impianto idrico. La buona notizia è che non si tratta di un permesso difficile da ottenere, anzi, si tratta di un documento in cui vengono delineate tutte le norme e le formalità che dovranno essere rispettate. Inoltre, è bene sottolineare che la progettazione di un nuovo impianto idrico è un passaggio fondamentale della ristrutturazione e che non può essere assolutamente sottovalutato.  Il nostro consiglio è quello di affidarsi unicamente a degli esperiti del settore, per ottenere un impianto idrico in linea con le proprie esigenze personali e con la sicurezza di risultato qualitativamente superiore e duraturo.  Impianto idrico: l’importanza pensare al futuro Quando si progetta una ristrutturazione occorre sempre pensare e sviluppare l’idea tenendo conto di una prospettiva futura. Un esempio potrebbe essere la predisposizione dei punti dell’impianto in posizione: questi, anche se non utilizzati nel breve tempo, potranno rivelarsi utili in un futuro.  Inoltre, la presenza di altri allacci da utilizzare nel futuro deve essere individuata preventivamente e progettata per tempo. Ecco perché è importante scegliere con cura un tecnico professionista, il quale avrà un ruolo fondamentale anche nella scelta di tutte le altre importanti caratteristiche dell’impianto idrico che dovrà essere istallato. Quali? Facciamo qualche esempio: il sistema di adduzione, dunque, quello che serve per l’approvvigionamento dell’acqua il sistema di scarico, che invece serve per smaltire l’acqua.  Insomma, tutto il lavoro dovrà essere conforme alle proprie esigenze e dovrà essere eseguito con i materiali più adeguati.  Gli esperti di Ristrutturare Casa Italia, inoltre, consigliano di realizzare sempre degli schemi personalizzati sui pozzetti di ispezione.  Perché? Semplice, in questo modo, in caso di guasti o malfunzionamenti si potrà intervenire in modo diretto e con estrema facilità. Infine, è importantissimo garantire un’elevata qualità dell’acqua che sarà immessa nel nostro impianto idrico. Per questo motivo verranno istallati filtri di depurazione o addolcitori dell’acqua che garantiranno acqua pulita e senza alcun tipo di residuo nocivo.  A cosa serve ciò?  Semplice: avere l’acqua pulita consente di mantenere un elevato grado di salute all’interno della casa e di ottenere una maggior durabilità degli scarichi e delle tubature.  Richiedi subito un preventivo gratuito per i lavori di ristrutturazione nella tua casa agli esperti di Ristrutturare Casa Italia. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Vieni a scoprire il nostro showroom.

Vieni a scoprire il nostro showroom. Ristrutturare le case delle persone con amore, passione e massima professionalità: per noi tutto questo non è un semplice lavoro, ma una missione. Con determinazione la nostra azienda sta crescendo ed è in continua evoluzione. In questi giorni è iniziato un nuovo capitolo con l’apertura del nostro showroom. Come funziona? Il nostro showroom non è altro che un’emanazione di Ristrutturare Casa Italia, ovvero la prima vera e propria agenzia di ristrutturazioni in Italia. È un insieme di servizi che offre alle persone la possibilità di fare una ristrutturazione sicura, serena e senza complicazioni. È quello che abbiamo sempre cercato di fare in questi anni di crescita e che continueremo a perseguire: semplificare le ristrutturazioni, che per loro natura sono complesse, noiose e rischiose, trasformandole in un piacere. Vogliamo che le persone percepiscano solo il bello di questa esperienza: la gioia di immaginare la casa dei propri sogni, la curiosità di vederla finalmente finita, la felicità di poterla condividere con chi amano, senza doversi preoccupare continuamente di tutte le molte problematiche che una ristrutturazione comporta prima, durante e dopo il processo. Ristrutturare la propria casa deve essere un meraviglioso nuovo inizio, un cambiamento fondamentale da cui la propria vita esce rigenerata e non gravata da odiosi stress. Una proposta unica in Italia. Ristrutturare Casa Italia, insieme al suo showroom, offre un servizio a 360 gradi ai suoi clienti: dalla prima pratica (CILA) alla consulenza di interior design (quindi tutto ciò che attiene alle finiture all’interno della casa, che i nostri clienti avranno modo di toccare con mano dentro lo showroom) per poi arrivare alla concreta realizzazione del progetto. In sostanza, oltre a fornirvi i materiali, la nostra agenzia può fornirvi tutta la manodopera edile e tutti i professionisti necessari alla ristrutturazione della vostra nuova casa. A tutti gli effetti la nostra è una proposta mai vista prima in Italia: un’agenzia che si occupi di ogni aspetto del processo di ristrutturazione, a partire dal vostro sogno di una casa fino a vedere quel sogno diventare una realtà. Non solo: grazie ai nostri continui aggiornamenti aziendali anche da un punto di vista informatico, potremo offrirvi un’ulteriore possibilità, ovvero quella di essere proprio voi a disegnare un primo progetto della vostra nuova casa. Come? Grazie ad un software di progettazione in 3D che consente di creare piantine interattive ed ambienti. Oltre a rendere ancora più agile, efficace e produttivo il lavoro dei nostri architetti, prossimamente verrà caricato sul nostro sito e consentirà anche ai clienti di poter disegnare in autonomia la loro visione del progetto, per poi lasciarla sviluppare ed arricchire ai nostri professionisti. Una volta dentro lo showroom, oltre a vedere e toccare con mano i nostri materiali e tutte le nostre proposte d’arredo, potrete con un visore 3D passeggiare letteralmente dentro al progetto, grazie alla realtà virtuale, e rendervi conto davvero, di persona, di come sta prendendo forma il vostro sogno. Venite a scoprire tutto questo dal vivo a Savona, in Piazza del Popolo 50 R, e seguiteci sul nostro sito e sui social per maggiori informazioni. Facebook: @ristrutturarecasaitalia2020 Instagram: https://www.instagram.com/ristrutturarecasaitalia/ Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

L’efficacia del contrasto: lo stile classico moderno.

L’efficacia del contrasto: lo stile classico moderno. Tra gli stili di arredamento più ricercati ed eleganti possiamo sicuramente annoverare lo stile classico moderno. Si tratta di un genere che ha preso piede negli ultimi anni e che prevede la realizzazione di ambienti accoglienti, calorosi, fruibili e giocati soprattutto con l’uso di mobili raffinati e scenografici. La sua cifra distintiva è quella di combinare due mondi apparentemente opposti tra loro: quello della classicità e quello della modernità, attraverso un sapiente gioco di abbinamenti. Spesso infatti, proprio come nell’abbigliamento, in cucina o in una buona storia, sono proprio gli elementi di contrasto a creare qualità e fascino. Due stili a confronto. Se nello stile classico troviamo una predilezione per materiali come legno, marmo, vetro, ceramica, cristallo, meglio se riccamente lavorati ed intarsiati, nello stile moderno predominano invece materiali come metalli, legno laccato e marmo. Lo stile classico punta molto sui richiami al classicismo, con elementi di arredo come mosaici, colonne, cornici, specchi e lampadari di una certa importanza e dal grande impatto visivo; lo stile moderno, al contrario, predilige spazi funzionali, minimali, che fanno della semplicità e versatilità il loro punto di forza. Gli elementi dello stile classico moderno. Lo stile classico moderno è caratterizzato da: mobili decisamente moderni inseriti in un’architettura classica che ricorda le case degli anni 30, con pavimenti in legno posati a spina di pesce e boiserie alle pareti; prevalenza di colori caldi ed essenze di legno contemporanee; tendaggi con tessuti morbidi e naturali e complementi e accessori come sedie, credenze, buffet, mobilio in genere tutto abbinato per mood e colorazione; accessori come lampade, candelabri rifiniti in bronzo ed oro e sfere di vetro trasparente o opalino; pouf, quadri, tessuti d’arredo dal sapore contemporaneo e monocromatico; Gli ambienti più indicati per questo stile. Sala da pranzo, cucina e salotto sono sicuramente gli ambienti ideali per mescolare elementi classici e moderni. Tuttavia non sono da escludere né il bagno o la camera da letto. Nel bagno è possibile optare per una vasca in stile classico, da abbinare ad una specchiera riccamente lavorata e a mobili invece più essenziali e moderni. Ma anche il contrario è un’ottima soluzione: un moderno piatto doccia esaltato da classici mobili in legno e specchi invece più contemporanei. Assoluta libertà con decorazioni più sfarzose e mosaici. Nella camera da letto, invece, si può giocare con il contrasto tra mobili e letto. Una boiserie classica può fare da contraltare ad armadio e comodini moderni, il tutto illuminato da un lampadario originale e moderno. Un contemporaneo separé può rendere efficacissimo un ambiente all’insegna di abat-jour classiche, testiere trapuntate e tessuti pregiati. Quali case sono più adatte? Lo stile classico moderno, chiamato anche classico contemporaneo, sta bene davvero ovunque, anche se noi di Ristrutturare Casa Italia consigliamo di utilizzarlo in edifici anni ’30, dove il contesto e la base di partenza è già classica e tu dovrai semplicemente inserire il moderno con le giuste accortezze. Perfetto per appartamenti cittadini ubicati in antichi palazzi, risulta uno stile di arredamento sempre accogliente, bello da vedere e di grande impatto; sempre più spesso risulta lo stile protagonista sulle principali riviste d’arredamento italiane. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Rendi perfetto il tuo ufficio!

Rendi perfetto il tuo ufficio! Sul lavoro il segreto per essere produttivi è sentirsi a proprio agio con se stessi e con le sfide che ci vedono protagonisti. Niente è più efficace del poter contare su un ambiente funzionale, ma anche sereno, accogliente, esteticamente di nostro gradimento. Se le cure di solito si concentrano soprattutto sulla propria casa, anche il luogo in cui si lavora non è assolutamente da sottovalutare, sia che si tratti di un ufficio o di un apposito studio dentro la propria abitazione. Primo elemento: la scrivania. La scrivania è, naturalmente, l’elemento d’arredo principale di ogni ufficio: il piano su cui lavorerai ogni giorno, il punto di appoggio di tutti i tuoi strumenti. Per scegliere quella più adatta è necessario prestare attenzione innanzitutto alle dimensioni della stanza, alle proprie esigenze di spazio, all’inventario degli elementi che andranno ad occuparla del tutto o in parte. In secondo luogo è bene chiedersi quale sia lo stile più adatto al proprio gusto ed alla propria personalità: se non sapete rispondere a  questa domanda, una buona soluzione può essere quella di prestare molta attenzione a ciò che piace o meno dal vivo e sui cataloghi. Con l’aiuto di un interior designer professionista sarà molto semplice mettere a fuoco lo stile più adatto. Di solito gli ambienti più classici si sposano bene con scrivanie in mogano, quelli più moderni invece con ripiani dalle forme squadrate, essenziali, di colore nero o bianco. Le sedie. Ecco un altro elemento molto importante del vostro studio o ufficio: quello su cui passerete molte ore della vostra giornata. È un buon investimento puntare alla massima qualità possibile, cercando una soluzione comoda ed ergonomica, che sicuramente vi farà guadagnare in salute e benessere. Sedie imbottite, in pelle o tessuto, sono perfette per studi classici, mentre sedie da ufficio ergonomiche o di design asseconderanno l’essenzialità di un ambiente contemporaneo. Altri elementi di arredo. Librerie, mensole, cassettiere: sono diversi gli elementi di arredo che contribuiscono a rendere un ufficio non un asettico luogo di lavoro ma un ambiente caldo ed accogliente, attraente per chi ci lavora ma anche per le altre persone che devono interfacciarsi con il suo proprietario. Una bella libreria, oltre all’esigenza pratica di raccogliere ed organizzare libri e documenti vari, avrà anche il valore di arricchire il vostro ufficio in modo elegante ed autorevole. Se gli spazi non sono molto ampi è bene puntare invece su mensole ed altri elementi verticali. Illuminazione. L’illuminazione è un altro aspetto fondamentale per la qualità del vostro ambiente di lavoro. Luci adeguate si traducono in ore di lavoro salubri, senza affaticare la vista. La scelta migliore è installare diverse luci regolabili anziché un’unica fonte: questo vi permetterà di ottimizzare i consumi e di potervi adattare ai vari momenti della giornata, meglio se con un ufficio di base già molto ben illuminato dalla luce naturale. Luci spot a soffitto, lampadari regolabili, lampade da terra: ci sono molte soluzioni diverse che un interior designer saprà consigliarvi nel modo migliore. Estetica dell’ufficio. In questo contesto rientrano tutte le scelte strettamente legate allo stile: dai colori alle decorazioni, ogni elemento contribuisce a creare un effetto di insieme che deve essere coerente ed esplicativo della personalità del professionista che lo occupa. Si capisce come questo sia un elemento fondamentale anche per accogliere il pubblico. Quadri e poster, colori luminosi e rilassanti, foto dei propri cari o di particolari eventi professionali, possono mettere in luce la storia personale e professionale del proprietario dell’ufficio, oltre a contribuire nella realizzazione di un ambiente sereno e disteso, perfetto per poter essere produttivi nel modo più efficace. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »
Ristrutturare casa

La ristrutturazione impeccabile di casa tua è la nostra unica missione.

Informazioni utili
Indirizzo uffici

Ufficio Operativo Savona 

Via Gramsci 6/4, cap 17100

al 3°Piano fronte porto di Savona

Ufficio Operativo Genova 

Piazza della Nunziata, 5, Cap 16124

© 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa  Italia. In ogni rapporto con la nostra azienda Real srl P.iva 01797970090  acconsenti il     Policy Privacy    Cookie Policy 

× Possiamo aiutarti?