fbpx

Rinnovare casa, 5 consigli per far cambiare look alla tua abitazione

L’estate è, ormai, finita e la voglia di cambiamento e di rinnovare casa si fa sentire sempre più. Non è una casualità che dopo oltre due anni di reclusione abbiamo iniziato a vedere le nostre case con un occhio differente, riscoprendone la bellezza e il valore.  La nostra abitazione è diventata più curata: funzionale, ma allo stesso tempo allineata con il nostro stile di vita e il nostro gusto. Insomma, la voglia di restyling è normale.  Molte volte, però, pensiamo erroneamente che rinnovare casa equivalga a ristrutturarla o a cambiarla totalmente, intervenendo nella sua stessa struttura e con l’obbligo di dover investire molto, troppo tempo, oltre che denaro. In questa breve guida, però, ti daremo 5 consigli per rinnovare casa senza stress, ma con un forte impatto visivo.  Sei pronto? Partiamo.   Rinnovare casa, consiglio n. 1: cambia look alle tue pareti! Quando entriamo in una casa la prima cosa che vediamo sono loro: le pareti. I muri della casa fungono da bigliettino da visita dell’abitazione e non sono altro che uno degli elementi più importanti per l’arredo di una stanza. Cosa fare? Semplice: rinnovare casa cambiando look alle pareti.  Scegli un colore che ti piace e che, ovviamente, sta bene con il tuo arredo e… dipingi! Non sempre è necessario ridipingere tutte le pareti di una stanza, a volte basta anche concentrarsi su una sola, per creare un gioco di colori e di luci nuovo.  Ad esempio, in una stanza turchese si potrà optare per una sola parete blu, per dare contrasto e vivacità all’ambiente. Ma non sempre serve munirsi di rulli e pittura, perché a volte basta giocare con la carta da parati o con i wall sticker, dei veri e propri adesivi da incollare alle pareti con forme animali e vegetali o scritte.   Rinnovare casa, consiglio n. 2 evidenzia un angolo o un singolo elemento Come si può rinnovare casa evidenziando solamente un angolo o un elemento? Te lo spiego subito:  gioca con gli accessori in contrasto solo in quell’angolo per dare una svolta alla casa, come ad esempio una lampada o un quadro; utilizza un nuovo completo di arredo con un colore “outstanding”, in questo modo non darai solo un effetto ottico differente della casa, ma la renderai un’abitazione ricercata e di design; a volte basta anche solo cambiare il colore dei cuscini; ad esempio, con un look total blue della casa, potresti contrastare con dei cuscini color ocra o giallo acceso (in base alla tonalità del blu). Insomma, il colore delle pareti o degli arredi è uno degli elementi più importanti per ottenere il cambiamento. Basta solo avere quel pizzico di fantasia in più per rinnovare casa con gusto, donandole freschezza e vivacità.  Rinnovare casa donando una luce differente agli spazi A chi piace una casa buia?  Credo proprio a nessuno! Un altro consiglio per cambiare la propria abitazione riguarda proprio la luce e la luminosità delle stanze. A volte, infatti, basta solo qualche accorgimento per donare una nuova luce e un nuovo spazio agli ambienti, cambiando radicalmente la percezione di ogni singola stanza.   Potresti giocare con gli specchi di diverse dimensioni e forme, che riflettendo la luce doneranno una nuova luminosità all’ambiente; ma potresti anche cambiare il lampadario, sostituendo il vecchio lampadario della nonna con un modello più moderno, magari di design, o viceversa; un’ultima soluzione potrebbe essere quella di scegliere una lampada da terra e posizionarla in un lato della stanza per creare profondità e cambiare l’atmosfera della tua casa.  Gioca con i tessuti Ma è possibile rinnovare casa anche giocando con i tessuti, scegliendo nuove fantasie o motivi dai colori differenti, più accesi e sgargianti o molto più soft.  In un ambiente tinta unita, infatti, potrete optare per un pois o un rigato, ma anche per una fantasia floreale o, data la nuova stagione, per un foliage autunnale. Con quali tessuti si può giocare? Con tutti! Potrai cambiare le tende, le tovaglie, i coprisedie o copridivano, ma anche i tappeti, le lenzuola e centrotavola. Insomma, potrai sbizzarrirti a rinnovare casa a seconda del tuo umore o della stagione. Rinnova casa con gli accessori Ultimo consiglio, ma non per importanza, rinnova casa con gli accessori. Questi, infatti, possono fare la differenza quando intendi cambiare l’aspetto della tua abitazione senza troppi sforzi.  Potrai scegliere delle nuove cornici per i tuoi quadri: il bianco diventerà oro e il nero diventerà color legno. Inoltre, mediante un mix and match sulle pareti potrai creare delle combinazioni molto interessanti.  Ma non è finita qui, perché potrai optare per accessori green come le piante, che non solo daranno quel tocco wild alla casa, ma metteranno alla prova il tuo pollice verde (e potrebbe rivelarsi una vera passione!).    Insomma, cosa aspetti a rinnovare casa con questi semplici consigli? Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Ricetta per una casa sana.

Ricetta per una casa sana. Si può ristrutturare una casa completamente nuova, prima di andarci ad abitare. E si può invece ristrutturare la propria attuale casa, per darle un volto completamente nuovo e renderla più adatta alle proprie esigenze, che in un’abitazione sono sempre molte e complesse. Quella principale, che influenza tutte le altre, è raggiungere il benessere abitativo, cioè uno stato di generale benessere psicofisico che si prova stando all’interno di uno spazio chiuso, come una stanza o un’intera abitazione. Si tratta di una sfida complessa da vincere, percepita sia a livello di costruzione che di ristrutturazione di una casa, ed unisce sia il comfort sia l’efficienza energetica ed un ridotto impatto ambientale. Richiede un approccio consapevole ed accurato dal punto di vista progettuale e costruttivo, in cui ogni dettaglio è funzionale ad un preciso obiettivo, alla ricerca di un equilibrio organico ed armonioso. Questo è precisamente il lavoro di un architetto e designer: conoscere tecniche, materiali, processi ed accorgimenti che si integrino tra loro producendo un risultato a regola d’arte nella tua ristrutturazione. Vediamo alcuni dei principali fattori che determinano il tanto ricercato benessere abitativo. termoigrometrici (temperatura, umidità e velocità dell’aria, temperatura media radiante, abbigliamento e attività fisica delle persone); biofisici (campi elettromagnetici e qualità dell’aria) acustici (rumori prodotti dal funzionamento degli impianti, oppure,rumori generati da attività interne o esterne all’abitazione) ottici (luce naturale o artificiale) Temperatura, umidità e velocità dell’aria stabili. Il benessere abitativo si manifesta, quindi, innanzitutto con uno stato di neutralità termica, in cui non si percepisce né caldo né freddo perché si genera un perfetto equilibrio nello scambio di calore ed umidità tra il corpo e l’ambiente. Ciò si raggiunge attraverso soluzioni costruttive efficaci come: pareti isolate a regola d’arte, che contribuiscano a mantenere stabile la temperatura ideale per chi abita la casa (di solito compresa tra i 18°C e i 23°C) e progettazione di un involucro abitativo realizzato con i materiali più efficaci a questo scopo; una percentuale di umidità tra il 40% ed il 60%; una stabilità nella velocità dell’aria, anche in questo caso grazie ai materiali dell’involucro abitativo e all’utilizzo di sistemi di riscaldamento e raffreddamento radiante. Campi elettromagnetici e qualità dell’aria. Molto importanti per il benessere abitativo sono anche i fattori biofisici, ovvero campi elettromagnetici e qualità dell’aria interna. Sono molti gli agenti chimici, fisici o biologici che inquinano l’ambiente domestico compromettendone la qualità dell’aria, sia interni che esterni all’abitazione; da non sottovalutare, poi, altri agenti contaminanti presenti nei materiali dell’edilizia come il gas radon, la formaldeide e altri composti organici volatili (COV), che possono essere dissipati grazie a sistemi di ventilazione meccanica controllata. Un altro fattore di rischi è rappresentato dall’elettrosmog, composto da onde elettromagnetiche come radiazioni ionizzanti IR e non ionizzanti NIR, che possono essere una grave minaccia per la salute delle persone. Fondamentale è quindi utilizzare materiali edili che svolgano un’efficace azione di copertura e protezione da questi inquinanti. Fattori acustici. Una sana permanenza in casa può essere compromessa anche dall’inquinamento acustico, sia interno sia esterno all’abitazione: rumore aereo (quando le vibrazioni sonore si propagano attraverso l’aria e mettono in vibrazione corpi solidi come il tetto o le pareti di casa, che a loro volta lo trasmettono all’ambiente interno); rumore impattivo (generato dal contatto diretto tra corpi solidi). Per ridurre l’inquinamento acustico è necessario utilizzare materiali e tecniche costruttive fonoisolanti ed una corretta organizzazione degli spazi interni all’abitazione. Illuminazione. Un fattore importantissimo da non sottovalutare è la giusta illuminazione degli ambienti interni, funzionale allo svolgimento di ogni attività domestica o lavorativa. È fondamentale, per il benessere abitativo, progettare spazi che beneficino il più possibile della luce naturale (sia grazie alla disposizione di pareti e varchi, sia grazie alla posizione geografica dell’immobile e alla presenza o assenza di ostacoli adiacenti all’edificio); ma anche di pensare a sistemi di illuminazione artificiale che siano il più possibile efficaci, rilassanti, esteticamente piacevoli per le persone. Come progettare una casa sana. Ogni abitazione è come un essere vivente, con proprie caratteristiche e precise esigenze che le consentano una lunga e sana vita. Progettare una casa sana, in cui sia garantito il benessere abitativo, non è solo fondamentale per il benessere psicofisico dei suoi abitanti, ma è anche una garanzia per il futuro: investire in un’agenzia di ristrutturazione efficiente, moderna, competente, ti assicura di non dover spendere un sacco di soldi a più riprese, per riparare danni e problemi causati dall’incompetenza o dall’incuria di imprese che giocano al ribasso (a scapito dei loro clienti e delle loro case. Forse non subito, ma comunque presto ogni pecca viene a galla. Non esistono soluzioni standard, preconfezionate, che possano garantire gli stessi risultati su ogni tipo di immobile. È necessario qualcuno che gestisca tutti i fattori necessari a trovare il progetto migliore per la tua casa e per te, il miglior compromesso fra estetica, soluzioni costruttive e materiali all’avanguardia, i tuoi desideri e la sostenibilità ambientale. Al fine di raggiungere un autentico benessere abitativo. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

La libertà naturale dello stile rustico.

La libertà naturale dello stile rustico. L’arredamento in stile rustico possiede una naturale libertà, frutto di atmosfere semplici, familiari, genuine. È consigliabile soprattutto in dimore quali cascine, vecchie case coloniche o di campagna: esso infatti richiama proprio la vita, le abitudini, lo stile che si respirava in queste abitazioni un tempo; tuttavia è possibile utilizzare arredi e soprattutto complementi rustici anche in città. In questo caso si consigliano cucine country ma con mood moderno, piatti e pentole in rame a vista appese alle pareti, maioliche e finiture quali pavimenti in cotto e similari. In generale, però, ricordiamo che lo stile rustico è caratterizzato da: ambienti ampi ed accoglienti, calorosi ed arredati in modo mai banale; arredi e complementi dal sapore retrò, in legno, quindi via libera a credenze, madie, divani grandi, ecc.; camino a legna aperto o chiuso se si vuole convertirne uno datato per questioni pratiche; finiture essenziali come pitture chiare senza troppe decorazioni, pavimenti di un tempo in cotto, parquet, sasso; tessuti naturali monocromatici o con fantasie floreali; lampade, suppellettili o accessori per la cucina tipicamente rurali come pentole in coccio, decori in ferro battuto, lampadari in ceramica. Al giorno d’oggi esplorare questo mood rustico è semplice: basterà sfogliare qualche rivista del settore disponibile in edicola e online. Oppure potrai visitare qualche agriturismo e scoprire come ogni regione abbia il suo particolare stile rustico: le cascine lombarde, ad esempio, sono molto diverse da quelle toscane, mentre nel Sud Italia la vita rurale assume un aspetto ancora totalmente differente. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Il fascino dell’imperfezione: lo stile shabby chic.

Il fascino dell’imperfezione: lo stile shabby chic. La nostra epoca è dominata dalla velocità e dalla ricerca ossessiva della perfezione: quella dei corpi, delle immagini, dei prodotti, delle novità. Spesso è una perfezione artificiosa e falsata da filtri ed effetti. Esiste però la tendenza a voler riscoprire anche valori diversi da questi: la lentezza, la sostenibilità, il piacere di un’estetica imperfetta e sorprendente, piena di fascino. Questo è vero anche per l’interior design e lo stile shabby chic ne è la prova. L’arredamento in stile shabby chic è di gran moda già da alcuni anni: è un genere che mixa influenze provenzali a tratti rustici ed in commercio esiste un’infinità di arredi ed accessori ad hoc. Non solo, è facile anche crearne con il fai da te, per esempio con la tecnica del découpage o anche col riciclo creativo: in questo stile si celebrano i dettagli artistici, il fascino dell’antico che torna visibile, della fragilità e dell’imperfezione che si fanno preziosi. È uno stile che punta sulle particolarità degli individui e, soprattutto, delle loro storie, rendendo i confini del tempo labili e sfumati. Uno dei suoi pregi è quello di riuscire a trasformare la casa in un ambiente sicuro e rilassante, ricco di bellezza e soprattutto realizzabile in modo etico e sostenibile. Pezzi unici, ricordi, sogni: le suggestioni dello shabby chic creano uno spazio famigliare ed accogliente, ricco di suggestioni. Come realizzare lo stile shabby chic? Lo stile shabby chic è caratterizzato nello specifico da: colori neutri e chiari come il bianco ed il beige, anche con leggeri cenni alle tinte pastello, meglio se polverose ed opache: rosa, celeste, turchese, giallo, viola tenue, cipria. Sono colori che richiamano la calma, perfetti se abbinati a tonalità naturali o magari al grigio chiaro. arredi ed accessori prevalentemente in legno, meglio se pezzi unici o souvenir di qualche viaggio particolare: bisogna dare libero sfogo a tutto ciò che è personale, antico, inusuale, con un lunga storia da raccontare. Una lampada nostalgica, un antico cimelio di famiglia, un guardaroba scalfito dal tempo: sono moltissimi gli elementi che contribuiscono a creare quest’atmosfera unica ed indimenticabile. accessori e complementi in vetro o ceramica smaltata, magari anche decorata a mano: con parsimonia è opportuno giocare anche con elementi scintillanti in grado di portare una nota di charme all’insieme. Argento, paillettes, specchi decorati e cornici: date voce al romanticismo che è in voi. tessuti naturali e candidi come il cotone o il lino; tessuti con merletti, trame uncinetto, anche fantasia con trame floreali, quadretti Vichy o più rustici. Per quali ambienti è perfetto lo shabby chic? Arredare un’intera casa con lo stile shabby chic è consigliabile solo in campagna, nella casa al mare o in collina; mentre nelle case in città, specie se vissute tutti i giorni, è preferibile ricreare solo piccoli angoli a tema. Per esempio la toeletta per il trucco può essere in stile shabby chic e con tratti moderni, alcune pareti potranno avere quadretti in stile. Più di qualsiasi altra spazio, ad accogliere al meglio lo stile shabby chic è la cucina: si potrà optare per un modello classico o country oppure per una cucina in muratura personalizzando il tutto con dettagli ad hoc. Spesso basta qualche tendina finemente ricamata, un para-schizzi in maiolica decorata, qualche brocca e fiore su credenze o tavoli e lampade in stile rustico in vetro o ceramica. Infine è piuttosto semplice ottenere un ottimo shabby chic anche nella propria camera da letto: basta seguire il proprio istinto con fantasie floreali e animali, consolle, specchi, cornici e tessuti. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Come scegliere il letto giusto? Qualche consiglio.

Come scegliere il letto giusto? Qualche consiglio. Il riposo è una delle priorità per tutelare il nostro benessere e la nostra energia. Scegliere il letto giusto è un passo fondamentale: per farlo nel modo migliore è opportuno pensare innanzitutto al comfort, ma anche a come il suo modello e la sua dimensione si sposino con la vostra camera da letto, andando a creare un ambiente accogliente e perfettamente rispondente ai vostri gusti ed alla vostra personalità. Intanto, per quanto riguarda la dimensione, se l’ampiezza della camera da letto lo consente è sicuramente consigliabile un letto matrimoniale standard: tuttavia, un letto singolo, a piazza e mezzo o alla francese, può essere una valida alternativa per spazi più contenuti. Giocare con i possibili modelli del proprio letto, inoltre, può essere un’occasione originale e divertente di personalizzare lo spazio destinato al riposo. Una soluzione particolare, glamour e giovanile, è un letto rotondo, da inserire in uno spazio preferibilmente ampio ed arredato con una certa personalità. Un letto in pallet è perfetto per chi è interessato ad una soluzione sostenibile ed economica, puntando sul riciclo creativo. Un letto a baldacchino è un grande classico che esalta la riservatezza e l’intimità. Ne esistono ormai tantissimi modelli che, pur sempre fedeli alla sua essenza, sono stati in grado di rinnovarne lo stile seguendo le tendenze del momento: in ferro battuto, in legno, in metallo, con testata imbottita. Ci si può inoltre sbizzarrire con la scelta del suo tendaggio, magari giocando con quelli delle finestre e con il rivestimento di cuscini supplementari, che vadano ad arricchire l’effetto di insieme. Un letto basso è una soluzione essenziale, che cerca il relax estremo e che si inserisce alla perfezione in uno spazio semplice, razionale, ordinato. Infine, un letto contenitore può essere la soluzione più pratica ed efficace per chi desidera risparmiare spazio ed ottimizzare l’utilizzo dei volumi. La capienza di questo modello, infatti, consente di utilizzarlo quasi fosse un armadio, per potervi riporre tutta la biancheria necessaria, liberando quindi altri spazi ma conservando la sua primaria funzione di garantire un sonno ottimale. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Illumina i tuoi sogni: qualche consiglio.

Illumina i tuoi sogni: qualche consiglio. Nel film Vi presento Joe Black ad un certo punto viene detto che “se il cibo è la prosa di una festa, le luci sono la sua poesia”. Nel mondo della progettazione le scelte su come arredare casa sono fondamentali, ma sono poi quelle sull’illuminazione che permettono ad un progetto di spiccare il volo e di acquisire un’anima. Quattro tipi di luce. La luce è fondamentale per la vita delle persone. Influisce su un insieme sorprendente di aspetti pratici, estetici e psicofisici. A seconda della fonte e dell’utilizzo che se ne fa, è possibile distinguerne quattro grandi tipologie. Innanzitutto quella naturale, che varia in funzione dei momenti della giornata, dell’alternarsi delle stagioni e della conformazione della casa. Si lega strettamente alle scelte in merito agli infissi. Poi abbiamo le luci d’ambiente, ovvero le luci principali della casa, che illuminano gli spazi ad ampio raggio. Le luci d’accento, che consentono di portare l’attenzione su singoli elementi di arredo, esaltandone le caratteristiche, oppure su particolari spazi della casa, che in questo modo risultano valorizzati al massimo. Infine troviamo le luci funzionali, che entrano in gioco solo in specifici momenti e per particolari esigenze della vita quotidiana: leggere, rilassarsi, accedere ad uno spazio secondario della propria dimora. Tutte queste opzioni, combinate insieme in infiniti modi, consentono alla casa di apparire sempre confortevole eppure sempre diversa. Tante atmosfere magiche, pronte ad accogliere tutti i momenti della vostra vita, da dividere con le persone che amate. Una lampada, intramontabile oggetto di stile. Le ultime tendenze in fatto di illuminazione puntano su uno stile minimal, essenziale ed ecosostenibile. Le luci non assolvono solo ad un’esigenza di funzionalità, ma anche a specifici obiettivi estetici: ecco perché può essere fondamentale puntare sul design di lampade da terra o da tavolo, con una personalità spiccata al punto da renderle quasi delle sculture. La lampada è da sempre un iconico oggetto d’arredo, dalle molteplici possibilità di utilizzo e di originalità stilistica. Con forme geometriche, squadrate o curve, aerodinamiche o possenti, essenziali o ricche di dettagli, una lampada è in grado di sorprenderci, incuriosirci, rassicurarci. Accompagna i momenti di relax individuali come quelli di svago in compagnia, ci affianca nelle nostre attività più amate, che siano creative o di estatica contemplazione e cura di sé. Si addice alla zona living, come alle camere ed ai bagni. Una lampada è il modo perfetto per scegliere come illuminare una particolare zona della casa, sia in termini di quantità e qualità della luce, sia in termini di espressione della propria personalità. È anche un’ottima idea regalo. Illuminazione LED. L’ illuminazione LED è ormai un consolidato trend della contemporaneità. Ha il fondamentale vantaggio di durare molto di più di quella ad incandescenza e di avere un consumo energetico decisamente più basso, cosa che la rende ecosostenibile. Inoltre le luci LED consentono di scegliere tra un’ampia gamma di possibilità cromatiche, ed è questo un aspetto fondamentale non solo per mostrare i propri elementi di arredo, ma anche per poterli integrare, rendendoli più efficaci e visivamente potenti. Faretti ed applique. Se invece l’esigenza è mettere in risalto magari qualche singolo dettaglio di arredo o spazio, i faretti e le applique (lampade da parete) faranno al caso vostro. Possono rivelarsi soluzioni originalissime e scenografiche, in grado di creare giochi di luce ed ombra anche molto spettacolari. Ci si può sbizzarrire quanto a numero, forme, stile, e tipologia: alogeni, led, da soffitto, ad incastro, singoli o a grappolo. Sono ovviamente molto versatili ed adatti a qualunque tipo di ambiente, dalla cucina al soggiorno, dalle camere da letto ai bagni. Sua maestà il lampadario. Infine ecco quella che forse è la fonte di illuminazione per eccellenza: il lampadario. Un lampadario è un oggetto che irradia un’illuminazione classica da ambiente, dalle molteplici possibilità stilistiche e di dimensione. Potrete davvero sbizzarrirvi e divertirvi nella sua scelta, ma vi consigliamo di affidarvi sempre all’esperienza ed alle conoscenze dei nostri professionisti: perché rischiare di fare una scelta sbagliata o non completamente soddisfacente, quando potete far illuminare i vostri sogni nel modo migliore? Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Ingrandisci la tua casa con l’arredamento!

Ingrandisci la tua casa con l’arredamento! Se la casa è piccola, non disperarti: ingrandiscila! Sembrerà impossibile, ma esaltare gli spazi della propria casa al massimo, pur con metratura limitata, è davvero possibile e senza trucchi di magia. Una sfida audace per i professionisti del settore, che con la loro conoscenza degli effetti e delle soluzioni possibili sapranno consigliarti nel modo più appropriato. È bene tenere a mente che affidarsi ai gusti personali, in questo caso, proprio non basta: occorre interrogarsi su come poter sfruttare gli ambienti non solo risparmiando spazio ma creando anche effetti di maggiore ampiezza e luminosità. Disporre i mobili in maniera intelligente, un pizzico di creatività ed il gioco è fatto: la vostra casa potrà trasformarsi in un piccolo gioiello di funzionalità e stile, pronta per accogliere le persone in modo ottimale. Bellezza su misura. Innanzitutto sfatiamo un mito: una casa piccola non deve per forza essere sinonimo di rinunce, disordine, mancanza di opportunità e trascuratezza. Bisogna sempre partire da una giusta prospettiva di ottimismo, che miri a mettere in risalto i punti di forza e non a deprimere per ciò che manca. Semplicemente perché, così, può essere che non manchi proprio nulla! Come negli Stati Uniti ed in Giappone sono già molto diffuse micro-case che si rivelano delle vere e proprie gemme di innovazione, personalità e comfort, così anche la tua casa può diventare un concentrato di armonia, comodità e bellezza. Basta solo sapere quali strumenti utilizzare ed in che modo farlo. Riorganizzare uno spazio, ripensarlo da capo facendo tabula rasa di tutto ciò che è obsoleto e non necessario, può essere un atto molto potente, non solo in termini pratici ma anche, per così dire, spirituali: un bel gesto per purificare il proprio ambiente vitale, le proprie energie, e ripartire all’insegna di un nuovo inizio da vivere in uno spazio finalmente adatto alle proprie esigenze. Niente di più attinente con il ristrutturare casa! Come creare spazio in casa. Quali accorgimenti si possono prendere, dunque, per far sì che la propria casa sia effettivamente più accogliente, spaziosa e vivibile? Innanzitutto è bene puntare sull’apertura degli spazi: via libera agli ambienti aperti e senza elementi divisori che creino un senso di oppressione. Un open space potrebbe essere la soluzione ideale per garantire più luce e creare un ambiente arioso, armonioso, che trasmetta subito un senso di capienza e distensione. Per evidenziare le differenti funzionalità degli spazi si può optare per arredi come librerie, penisole, tavoli, pareti mobili o in vetrocemento, separé e porte scorrevoli: in questo caso otterrete la doppia funzione di garantirvi una grande luminosità senza rinunciare alla privacy e ad un uso dinamico degli spazi. Altro escamotage da tenere presente è l’utilizzo di colori chiari e luminosi, primo fra tutti il bianco, per pareti, pavimenti ed arredi. Queste tonalità infatti esaltano la percezione dello spazio, donando un effetto arioso, di luminosità e freschezza. Da non dimenticare l’importanza della luce! Ci viene in aiuto non solo  l’illuminazione naturale, che certamente per quanto possibile deve essere presente in gran quantità, ma anche quella artificiale, per creare dei giochi di luce ed ombre perfetti per rimodellare gli spazi a nostro vantaggio. Sono proprio le luci a disegnare la percezione degli spazi, per questo ad esempio i faretti ad incastro potrebbero essere una soluzione a dir poco ottimale per creare sapienti effetti di volume. È importante anche creare nuove fonti di luce, aprendo dei vani tra un ambiente e l’altro per eliminare gli ostacoli che ne impediscano il passaggio. Via libera anche a vetrate, specchi e pareti con aperture che amplifichino la prospettiva e creino potenti giochi di riflessi. Arredi salvaspazio. Quali arredi consentono di guadagnare spazio prezioso? Innanzitutto è importante scegliere dei mobili che abbiano dimensioni adeguate agli spazi che andranno ad arredare: se troppo grandi creeranno un immediato effetto claustrofobico! Inoltre gli arredi sono un’ottima opportunità per creare effettivamente dello spazio in più: letti a soppalco, divani letto, elettrodomestici polifunzionali, arredi contenitore o a scomparsa permettono tutti di sfruttare al massimo le potenzialità di un ambiente, sfruttando quegli spazi ed altezze nascosti che rappresentano risorse importantissime per la tua casa. Un interior designer saprà sicuramente guidarti attraverso sapienti giochi di volume con nicchie, mensole, strutture in cartongesso, un materiale principe quando si parla di modellare gli spazi attraverso soluzioni innovative ed originali. E non si può certo parlare di cartongesso senza pensare al controsoffitto: una soluzione ottima per sfruttare la capienza della tua casa in senso verticale! Progettare ambienti su più livelli permette di immaginare una casa completamente diversa, con una conformazione nuova e spazi che nemmeno si pensava di avere! Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »

Come realizzare il progetto della casa da ristrutturare?

Come realizzare il progetto della casa da ristrutturare? Realizzare il progetto della casa da ristrutturare è il passo centrale per ottenere la casa che si desidera. Si tratta di un processo complesso, che intercetta varie esigenze, e che richiede sinergia tra committente e professionista della progettazione. Una volta che l’immobile sarà a tutti gli effetti di tua proprietà, dovrai far eseguire dal professionista di fiducia un rilievo metrico accurato, step imprescindibile prima di cimentarsi con il progetto vero e proprio. L’architetto si occuperà di progettare casa proponendoti la soluzione migliore, ma ovviamente se qualcosa non soddisfa il tuo gusto potrai dirlo senza timore. È infatti fondamentale che tu sia convinto di ogni dettaglio prima di interpellare l’impresa e dare il via ai lavori di restauro. In poche parole, cerca di non saltare le varie fasi progettuali perché potresti commettere degli errori di valutazione che ti costeranno molti soldi, specie se una volta realizzati cambierai idea e vorrai rifare tutto o quasi. Detto ciò, il progetto è importante per tre motivi fondamentali: comprendere visivamente l’effetto prima e dopo; sottoporlo alle diverse imprese prima dei lavori e valutarne così i relativi costi; dare avvio alla parte burocratica. In genere il tuo progetto di ristrutturazione verrà realizzato da un tecnico, un geometra, un ingegnere o un architetto, che ti proporrà diverse soluzioni al fine di restaurare o modificare lo spazio indoor ed outdoor della tua dimora, trasformandola nella casa ideale, quella davvero adatta alle tue esigenze ed aspettative. Vitruvio, architetto dell’età romana, affermava che per progettare un qualsiasi edificio bisognava puntare a tre obiettivi fondamentali: la Firmitas (solidità), l’Utilitas (funzionalità) e la Venustas (bellezza). Come si ottiene una casa solida, funzionale e bella? Riguardo al primo obiettivo è importante tenere in considerazione tutta una serie di aspetti legati alla natura strutturale della casa. Questa è senz’altro materia molto tecnica, per cui è imprescindibile il lavoro di un professionista affidabile e competente, ma anche disponibile a spiegare e chiarire le motivazioni dietro le scelte progettuali. Il secondo obiettivo raduna invece tutte quegli aspetti, che per l’architettura moderna sono stati ben codificati da regolamenti e leggi, che attengono alla “misura umana” di un edificio o un singolo spazio. Si tratta delle dimensioni minime degli ambienti, distanze tra apparecchi ed arredi, norme di sicurezza, misure essenziali. Insomma, tutto quello che rende un ambiente accogliente e funzionale per la vita delle persone. Infine il terzo obiettivo riguarda il concetto forse più ampio, affascinante e misterioso di una casa: la sua bellezza estetica. Cosa rende una casa bella, aldilà del gusto personale? Cosa la rende armoniosa e vitale? Questo è forse l’aspetto che in genere viene, erroneamente, sottovalutato: sia in termini di importanza sia di facilità di realizzazione. Eppure il raggiungimento di un buono od ottimo aspetto estetico è fondamentale per la qualità della vita all’interno della casa, per il modo in cui le persone si rapportano agli spazi nel quotidiano e per come lo condividono con chi abita altrove. È altresì materia molto delicata, perché fare errori estetici nella scelta degli arredi e degli stili è quanto di più comune possa accadere: come in cucina, non bastano ingredienti di grande qualità, né seguire una ricetta. Quello che conta è la maestria nella realizzazione, la sapienza e l’esperienza. Anche in questo caso la scelta più saggia è affidarsi ad un professionista qualificato e non ai consigli di amici e parenti o solo ai cataloghi. In questo modo potrete raccontare in piena libertà le vostre esigenze, i vostri dubbi, le vostre aspettative, e trovare la soluzione che più vi soddisfa, sicuri di andare incontro a scelte progettuali armoniose ed adatte agli spazi della vostra futura casa. È inoltre importante tenere a mente, prima di iniziare a pensare al progetto della propria casa, quali sono gli elementi principali che andranno a comporlo. A fronte di una certa situazione di partenza (che tipo di casa si sta ristrutturando, se da zero o già esistente, singola o appartamento, bifamiliare o altro, di campagna o di città, caratteristiche territoriali e geografiche, adempimenti burocratici da assolvere, normative da rispettare, budget economico) bisogna pensare a dove si vuole arrivare. Tenere quindi conto degli interni e degli esterni, dei materiali costruttivi più adatti alle proprie esigenze funzionali ed estetiche, degli impianti e delle tecnologie necessarie. Se tutto questo ti sembra un ginepraio niente paura: un’agenzia di ristrutturazioni chiavi in mano è quello che fa al caso tuo. Si occuperà di guidarti passo dopo passo, informandoti di tutto ed ascoltando le tue esigenze. Ti tutelerà sotto ogni aspetto con competenza e garanzie e soprattutto risolverà ogni problema al tuo posto.  Potrai goderti solo il bello della tua ristrutturazione, fino al giorno in cui riceverai finalmente le chiavi della tua nuova casa, tutta da vivere e da scoprire! Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »
Ristrutturare casa

Bonus casa 2021, guida rapida agli interventi

Ristrutturare Casa Italia Numero Verde: 800 909 275 Bonus casa 2021, guida rapida agli interventi   Dagli infissi all’impianto di riscaldamento, dal condizionatore al Bonus Mobili. Quali prodotti e quali contribuenti possono beneficiare degli sgravi fiscali 2021 Buone notizie per chi ha intenzione di ristrutturare la propria abitazione nei prossimi dodici mesi: il Bonus Casa 2021, all’interno della Legge di Bilancio 2021 approvata il 30/12/2020 dal Senato, prevede la proroga di tutti i gli incentivi legati agli interventi già inclusi nella lista del 2020, Superbonus incluso. Ultime notizie Il 30 dicembre il Senato ha approvato la legge di Bilancio 2021, che contiene, nel testo, la proroga del Superbonus 110% a tutto il 2022. Si tratta di una estensione sei mesi più sei, per consentire il completamento dei lavori già iniziati. Se gli interventi coperti da incentivo sono arrivati al 60% entro il 30 giugno 2022, si potrà usufruire dello sconto fiscale per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2022. Inoltre è prevista che la spesa sostenuta nell’arco del 2022 sia recuperata più velocemente, in quattro rate annuali anziché in cinque.  Dopo la prima lettura in Parlamento, la manovra ha compiuto l’ultimo passaggio, quello definitivo, in Senato, ed è diventata legge. Il testo dovrà essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed entrare in vigore dal 1° gennaio 202 Superbonus 110%: cosa cambia La platea degli interventi ‘da Superbonus’ si amplia. Si aggiungono le coibentazioni di tetti con sottotetto non riscaldato. Possono accedere al superbonus anche gli edifici privi di APE, attestato di prestazione energetica, purché al termine dei lavori raggiungano una classe energetica in fascia A Rientrano nel bonus i lavori di eliminazione delle barriere architettoniche, incluse quelle per persone disabili over 65. Si semplifica il concetto di “unità immobiliare funzionalmente indipendente”, definito come una unità immobiliare che sia dotata di almeno tre delle seguenti installazioni o manufatti di proprietà esclusiva: impianto per l’approvvigionamento idrico, per il gas, per l’energia elettrica, impianto di climatizzazione invernale. Vengono ammessi anche gli edifici plurifamiliari con unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche. Per i condomini, è possibile arrivare fino al 31 dicembre 2022 se entro il 30 giugno dello stesso anno risulta effettuato almeno il 60% dell’intervento complessivo. Viene introdotta la possibilità di suddividere le spese tra condomini senza rispettare necessariamente la suddivisione in millesimi. Il Superbonus si applica agli interventi di ricostruzione di fabbricati danneggiati da terremoti in eventi sismici dopo il 2008 per i quali sia stato dichiarato lo stato di emergenza. La detrazione per l’installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica su edifici viene estesa agli impianti solari fotovoltaici installati su strutture pertinenziali agli edifici. Si ipotizza la creazione di un portale unico di riferimento per i Bonus Casa 2021.Al momento è operativo il sito ENEA per le detrazioni fiscali e per inserire i dati delle asseverazioni e i dati dei relativi interventi. Per gli aspetti fiscali, è utile consultare anche il portale dell’Agenzia delle Entrate. Agevolazioni casa: come funzionano? Il Superbonus al 110% si applica a tutti gli interventi di risparmio energetico realizzati sugli interi edifici, di proprietà condominiale o privata. Dal 16 luglio 2020 il Decreto Rilancio DL 34/2020 è legge: il superbonus 110% è confermato. Le agevolazioni vengono estese anche alle seconde case e sono valide anche per gli interventi su due unità immobiliari e per quelli di efficientamento energetico con demolizione e ricostruzione. Il superbonus sull’isolamento termico vale anche per le superfici opache orizzontali, verticali e inclinate, e quindi per i solai e per tutte le tipologie di tetti. Che cosa significa reddito d’imposta cedibile? Prima di passare in rassegna gli interventi che possono usufruire degli sgravi previsti dal Decreto Rilancio, è bene ricordare che il bonus di detrazione fiscale funziona nel seguente modo. Il contribuente che, nel 2020 e 2021, sostenga spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio, di restauro della facciata, di migliorie antisismiche e di efficienza energetica, può ottenere una detrazione fiscale del 110%, spalmata in 5 anni. Oppure il bonus può essere trasformato in credito di imposta, usufruendo subito dello sconto fiscale. O ancora, è possibile ottenere uno sconto sul prezzo da pagare al fornitore che esegue i lavori, da quest’ultimo recuperato dal fisco sotto forma di credito di imposta oppure con facoltà di cessione ad altri soggetti. La procedura della cessione del credito può essere applicata anche a bonus precedenti il Decreto Rilancio 2020. La cessione deve esser comunicata dal beneficiario della detrazione tramite il sito dell’Agenzia delle entrate oppure rivolgendosi a CAF o professionisti abilitati. In caso di lavori condominiali per i quali tutti hanno optato per la cessione, è l’amministratore che si occupa della comunicazione. Se invece il singolo condomino opta per la cessione deve darne comunicazione all’amministratore.  La procedura della cessione del credito (per la quale si ipotizza una semplificazione), può essere applicata anche a bonus precedenti il Decreto Rilancio 2020. Si ipotizza anche di semplificare le procedure per beneficiare dello sconto in fattura e della cessione del credito, fruibili per tutto il 2022, ma Sismabonus ed Ecobonus 110% Il superbonus consente di detrarre il 110% della spesa sostenuta per gli interventi di isolamento termico dell’involucro dell’edifico, per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti di riscaldamento centralizzati, per l’adozione di sistemi di raffrescamento o di fornitura di acqua calda a condensazione con efficienza almeno di classe A. Gli interventi sono descritti nell’art.119 del decreto rilancio e sintetizzati nel capitolo successivo. Se si hanno determinati requisiti, l’Ecobonus 110% si può utilizzare per la demolizione e la successiva costruzione di un fabbricato uguale al precedente, fatte salve eventuali migliorie antisismiche. In caso di coibentazione termica dell’edificio, il tetto massimo di spesa detraibile è di 50.000 euro per le case indipendenti, di 40.000 per gli edifici fino da due a otto unità abitative e 30.000 euro per i condomini più grandi. Per i limiti di spesa aggiornati consultare la tabella n. 4 contenuta nella guida a questo link. Sismabonus: l’agevolazione è del 110% in cinque anni e riguarda sia le persone fisiche sia quelle giuridiche e tutte le tipologie di immobile, a esclusione della fascia sismica 4 dove il rischio è basso. Gli interventi di adeguamento antisismico danno diritto a una detrazione del 90% sull’acquisto di una polizza assicurativa anticalamità.Si amplia la platea di chi può usufruire dell’agevolazione: i condomini, le persone fisiche (ma non tutte), gli Istituti

Leggi Tutto »

Abbellisci la tua casa con la pampa.

Abbellisci la tua casa con la pampa. Ristrutturare la propria casa comporta una serie di scelte in termini di interior design, volte a renderla personale e calda. Per gli amanti della natura, le piante giocano un ruolo fondamentale in questo senso: rendono l’ambiente subito molto più accogliente e sereno. Ma quante opportunità esistono, in concreto, per dare alla propria casa un’aura green? Uno dei trend del momento è rappresentato dalla pampa, una graminacea molto affascinante, dalle infiorescenze leggere, colorate e vaporose, che si è da qualche tempo imposta nel panorama dell’interior design. La pampa, dal nome scientifico di Cortaderia Selloana, è una pianta perenne  di origine sudamericana, che cresce facilmente sia in terra che in vaso; la sua altezza si aggira tra i 2 e i 4 metri e la sua fioritura si sviluppa dal mese di agosto fino alla primavera seguente, anche se è possibile acquistarle tutto l’anno. Le sue infiorescenze, molto caratteristiche e di grande impatto estetico, valorizzano gli angoli di abitazioni e giardini in cui sono posizionate, creando un fascino senza tempo: i colori vanno dal tabacco al rosa, dall’argento al crema. Sono un incrocio tra una spiga di grano ed una grande e soffice piuma. Importata negli Stati Uniti dagli anni ’70, è solo da qualche anno divenuta una vera e propria tendenza internazionale nell’ambito del design decorativo per interni ed esterni: oltre al suo grande impatto estetico è anche molto pratica, necessitando di poche cure. Un fascino autunnale. La pampa risulta particolarmente indicata per decorare la casa in autunno. Spesso non viene acquistata ma direttamente coltivata in autonomia, per poi essere essiccata e cosparsa di lacca per i capelli in modo da conservarsi intatta. Nel caso si scelga questa opzione, è bene tagliare alcuni gambi tenendo conto della lunghezza desiderata, rimuovere le foglie situate alla base degli steli, legarli con uno spago o un elastico e poi lasciarli appesi a testa in giù per circa tre settimane, in un luogo fresco ed asciutto. Le varietà della pampa. Un altro punto di forza della pampa sono le sue varietà, che la rendono un elemento decorativo ancora più flessibile e versatile, adatto ai più diversi tipi di ambiente. La Monstrosa, ritenuta da molti quella più affascinante a livello estetico, è caratterizzata da infiorescenze simili a piume color argento, soffici e splendenti; la Pumila, la Patagonia e la Highfield Pink sono invece dotate di pennacchi color rosa pallido; la Sunningdale Silver ha invece fiori argentati e foglie color grigio verde. Dove usare la pampa. Che sia sopra un ripiano o un mobile, addossate ad una parete oppure sospese, da sole in vaso oppure a formare composizioni e ghirlande insieme ad altre tipologie floreali e vegetali, le pampa si caratterizzano per la loro capacità di creare decorazioni a lunga durata, romantiche e vaporose, dal fascino elegante e discreto. Un ambiente decorato dalle pampa acquista un aura raffinata ma mai appesantita, perfetta per integrare tutti gli stili di arredamento, dal classico al minimal. Contatti Sede legale: Savona via Gramsci 6/4 Telefono: 800909275 Email: info@ristrutturare-casa-italia.com Facebook-f Youtube © 2023 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa Italia P. iva 01797970090         Policy Privacy    Cookie Policy

Leggi Tutto »
Ristrutturare casa

La ristrutturazione impeccabile di casa tua è la nostra unica missione.

Informazioni utili
Indirizzo uffici

Ufficio Operativo Savona 

Via Gramsci 6/4, cap 17100

al 3°Piano fronte porto di Savona

Ufficio Operativo Genova 

Piazza della Nunziata, 5, Cap 16124

© 2021 Tutti i diritti riservati Ristrutturare Casa  Italia. In ogni rapporto con la nostra azienda Real srl P.iva 01797970090  acconsenti il     Policy Privacy    Cookie Policy 

× Possiamo aiutarti?